Toyota, la più grande casa automobilistica del mondo, ha rivisto al ribasso le sue previsioni di produzione per l’intero anno a settembre. Ford ha cancellato i turni nel suo stabilimento di Dearborn F-150 a Detroit e General Motors ha previsto una perdita di profitto fino a 2 miliardi di dollari. Gli effetti della carenza di chip in corso cominciano a farsi sentire.

E, questo problema non è limitato soltanto all’industria automobilistica. Le nuove abitudini di consumo, innescate da Covid-19 e dalle successive chiusure, hanno visto picchi drammatici nella domanda di dispositivi come console di gioco, TV, computer e smartphone coincidere con le chiusure di produzione. Eventi meteorologici estremi hanno anche temporaneamente rimosso diversi impianti dal funzionamento nell’ultimo anno, aggiungendo solo più pressione sui produttori di chip che già si occupano della domanda dallo sviluppo di prodotti e servizi tech-heavy.

La domanda supera l’offerta.

Questo squilibrio sta creando non solo carenze di chip, ma a causa di una maggiore domanda di apparecchiature di lavoro a distanza e di infrastrutture IT in loco, la disponibilità di circuiti stampati, resistenze, condensatori e altre parti sta diventando scarsa, con un impatto diretto sul data center.

Uno dei principali fattori della carenza di chip è stato il sottoinvestimento nei substrati. Due delle più grandi aziende di semiconduttori del mondo stanno ora sostenendo costi maggiori nei loro sforzi per gestire la carenza. Advanced Micro Devices ha impegnato investimenti nella propria capacità, e Intel sta lavorando per alleviare la carenza collaborando con altri fornitori.

Con le aziende che sostengono costi più elevati lungo le loro catene di approvvigionamento, l’inflazione dei prezzi sembra inevitabile – ed è già stato confermato da Robert Johnson, CEO di Vertiv, un leader di mercato nella fornitura di infrastrutture per data center.

Per le aziende che hanno già a che fare con le significative sfide di gestione delle infrastrutture dei data center, questa inflazione ha il potenziale di presentare seri ostacoli finanziari e logistici. C’è un’indicazione che anche se la carenza di chip si attenua quest’anno, o il prossimo, è probabile che i prezzi dei prodotti più alti rimangano in vigore.

Con i normali budget per le infrastrutture IT prosciugati a causa dei picchi nei requisiti di capacità e il boom del lavoro da casa causato da Covid-19, la carenza di chip e la prospettiva di un ulteriore aumento dei costi significa che la redditività, e la sopravvivenza, di alcune aziende potrebbe essere minacciata.

Evernex si sta impegnando ad evitare le interruzioni.

Con la sua esperienza nella fornitura di manutenzione da parte di terzi, Evernex può estendere la vita dell’infrastruttura IT con un supporto economico fino al 70% in meno rispetto al produttore di apparecchiature originali (OEM), eliminando la necessità di sostituire le apparecchiature utili con quelle nuove. Questo dà alle aziende l’indipendenza dalle date di End-of-Life (quando l’OEM smette di produrre l’hardware) e End-of-Service-Life (quando l’OEM smette di supportare l’hardware), riducendo sia i costi aziendali che la domanda sulle catene di fornitura di produzione responsabili dell’aumento dei prezzi.

Nel caso in cui un’azienda abbia bisogno di acquistare hardware sostitutivo o aggiuntivo per ospitare una maggiore capacità, l’hardware ricondizionato di Evernex offre molti vantaggi.

I beni ricondizionati di Evernex sono ispezionati, puliti, testati e ripristinati per soddisfare le specifiche originali di fabbrica. Senza compromettere le prestazioni o la qualità, le aziende sostengono i normali livelli di funzionamento aumentando il ritorno sull’investimento, senza la necessità di acquistare nuove apparecchiature, preservando così le scorte di chip per dove sono più necessarie.

Con il supporto dell’esclusiva offerta SPaaS™ di Evernex, Spare parts as a Service, le aziende possono accedere rapidamente e con facilità all’hardware ricondizionato da oltre 330 siti di stoccaggio completamente attrezzati in tutto il mondo. Con oltre 850.000 articoli multivendor in magazzino tra le risorse di rete, server e storage, le parti necessarie sono immediatamente disponibili per essere consegnate in modo tempestivo e garantire la continuità aziendale, anche durante l’attuale clima di perturbazione.

È chiaro che quando si usa una combinazione di asset rinnovati e TPM, i leader delle infrastrutture e delle operazioni possono mitigare gli impatti a breve termine della carenza. Questi approcci rimodelleranno il nostro consumo insostenibile di chip sfidando una cultura industriale di sostituzione dell’hardware, rispondendo all’appello urgente per un futuro più sostenibile nell’IT.

 

 

RICHIEDI UN PREVENTIVO

RICHIEDI UN PREVENTIVO